Disfagia

La disfagia è un disturbo di deglutizione delle sostanze liquide e/o solide. Può interessare una o più fasi del processo di deglutizione:

- fase orale: comprende suzione, masticazione e trasporto di sostanze solide o liquide in laringe;

- fase faringea: innesco del riflesso di deglutizione, il cibo avanza in faringe, le vie aeree si chiudono per evitare aspirazioni o per prevenire la tosse;

- fase esofagea: comprende il rilassamento e tensione dello sfintere superiore e inferiore dell'esofago. Il cibo passa dall'esofago allo stomaco.



Cause di disfagia

Le principali cause di disfagia sono:

a) stroke

b) lesioni cerebrali

c) lesioni spinali

d) Malattia di Parkinson

e) Sclerosi Multipla

f) SLA

g) distrofia muscolare

h) paralisi cerebrale

i) Malattia di Alzheimer.



Segni di disfagia


I principali segni di disfgia sono la presenza di tosse durante o dopo l'assunzione di sostanze liquide o solide, voce umida o gorgogliante durante o subito dopo i pasti, tempo di masticazione e deglutizione molto elevato e sforzo eccessivo, perdita di cibo dalla bocca, ricorrenti polmoniti o episodi di soffocamento, perdita di peso e disidratazione per nutrizione insufficiente.



Conseguenze

Le conseguenze di questo disturbo possono essere anche molto gravi, infatti i pazienti con disfagia vanno spesso incontro a frequenti polmoniti da aspirazione e patologie polmonari croniche, episodi frequenti di soffocamento, perdita di motivazione all'alimentazione, isolamento o imbarazzo in situazioni sociali legate ai pasti.



Trattamento logopedico

Il logopedista andrà a raccogliere l'anamnesi del paziente e dei sintomi della malattia, valuterà la motilità e la forza dei muscoli coinvolti nella deglutizione, osserverà il comportamento e la postura del paziente durante il pasto, eseguirà in equipe con altri specialisti dei test che valutano la deglutizione, come la laringoscopia a fibre ottiche e la videofluoroscopia. Infine, il logopedista andrà a programmare un trattamento in base ai sintomi e alle caratteristiche della disfagia e raccomanderà al paziente strategie e posture da tenere durante il pasto per facilitare e rendere sicura la deglutizione, anche con l'ausilio di sostanze che modificano la consistenza dei cibi. Sarà utile anche la collaborazione dei familiari del paziente, i quali dovranno confrontarsi con il logopedista, far svolgere gli esercizi al malato, preparando gli alimenti e prendendo nota dell'apporto idrico e alimentare del paziente.
 

Elenco allegati: linee_guida_disfagia.pdf